Ti trovi qui: Home » Social Media Rights » Diaspora*: social network e open source si riuniscono
Diaspora*: social network e open source si riuniscono

Diaspora*: social network e open source si riuniscono

Avete mai pensato a cosa sarebbe potuto succedere se quattro ragazzi di New York ne avessero avuto abbastanza dello zampino del signor Zuckerberg nella loro vita privata e avessero deciso di dare vita a un social network open source concepito da e per l’utente? Perché, in realtà, è già successo. E ben 3 anni fa, circa: stiamo parlando di Diaspora*.

Diaspora*: il social network alternativo?

Ancora praticamente sconosciuto, il nuovo social network open source nasce proprio con l’intento di creare una community che sfugga al controllo delle aziende, mantenendo ciò che di buono hanno ideato i colossi del settore e concedendo agli utenti la libertà e il piacere di decidere come sarà il social, il loro social in tutto e per tutto.

Il codice sorgente è libero e accessibile a chi abbia voglia e sappia come migliorarlo. E chi non ha certe competenze? Nella community di Diaspora si da spazio non solo a chi programma, ma a chiunque abbia idee. Qualunque tipo di contributo creativo che possa potenziare il social è il benvenuto.

Caratteristiche di Diaspora*

Dal punto di vista delle funzionalità, Diaspora* ricalca le caratteristiche dei social più diffusi: si possono caricare e condividere foto, si può suddividere gli amici in categorie, si può esprimere il proprio gradimento su un post, si possono citare le persone che si conoscono.

Insomma, Hashtags di Twitter, likes di Facebook e cerchie di Google+, tutte presenti all’appello. Ma allora perché preferire Diaspora*? Semplice, per la libertà di scelta.

Oltre a dare la possibilità di personalizzare il social, Diaspora*è estremamente chiaro su un punto: l’utente è libero di pubblicare e condividere post, foto e video solo ed esclusivamente con chi vuole lui. Diversamente da quanto previsto per esempio dal contratto di Facebook, i contenuti pubblicati su Diaspora* sono tutti di proprietà dell’utente e tali restano in qualunque momento. Nessuno può utilizzare ciò che è vostro per alcuna ragione e se deciderete di cancellare i dati, non incorrete nel rischio di ritrovarli da qualche parte sconosciuta nella rete.

Nessuna vendita, nessuna concessione, nessuna pubblicità, ma privacy, sicurezza e libertà. Che ne dite?

Altro su Giorgia Di Mattei

Laureata in Traduzione e Interpretariato subisce notevolmente il fascino della parola e della comunicazione. Riuscendo con fortuna a fare della propria passione una vera professione, inizia a lavorare come copywriter per un'agenzia di webmarketing e nel frattempo collabora con l'associazione culturale Sole Luna, per il dialogo dei popoli. La sua specializzazione? Parlare, parlare, parlare.

Commenti chiusi.

Scroll To Top