Ti trovi qui: Home » Social Media Rights » Open Source Ecology
Open Source Ecology

Open Source Ecology

Esistono delle piattaforme opensouce per condividere il savoir-faire necessario a fabbricare qualunque tipo di oggetto. Il progetto  Open Source Ecology ne rappresenta un esempio emblematico.

Open Source Ecology è una rete di ingegneri, agricoltori e donatori che ha sviluppato una piattaforma opensouce per permettere di fabbricare 50 macchine industriali come trebbiatrici, forni, bulldozer, segatrici, stampanti 3D…

La rete ha creato il Global Village Construction Set, una piattaforma tecnologica opensource a basso costo e alte prestazioni.

Open Source Ecology sviluppa un modello di “Distributive Enterprise” : tutti possono aiutare a finanziare il progetto. I contributori più generosi alla raccolta fondi ricevono una percentuale. Il modello economico di Open Source Ecology fa riferimento quidi a un modello di founding che fa leva sulla generosità pubblica.

Il passo che ha lanciato l’iniziativa è stata la decisione del fisico Marcin Jakubowski di fornire gratuitamente i disegni dettagliati delle 50 macchine industriali che rappresentano  le apparecchiature chiave per costruire una società indipendente.

Altro su Stefania Lo Sardo

Laureata in lingue con un Master in traduzione letteraria, titolare di un Master europeo in Mediazione Inter Mediterranea (Università Ca Foscari di Venezia, UAB Barcellona e Università di Meknés), Stefania Lo Sardo lavora tra la Francia e l'Italia. Specialista in cinema del Mediterraneo, ha collaborato a diversi progetti di Aflam, associazione marsigliese che lavora alla diffusione del cinema dei paesi arabi. Nel 2010 ha conseguito un Master 2 in Mondo arabo e musulmano presso l'Università di Provenza con una tesi sul cinema marocchino, collaborando nello stesso periodo con alcune riviste italiane (L’indice dei Libri del Mese, Cinemafrica) scrivendo articoli sul cinema internazionale. Dal 2011 è consulente del MuCEM (Museo delle civiltà dell’Europa e del Mediterraneo) di Marsiglia. Dal 2012 collabora con il Festival Internazionale del Documentario Sole Luna, un ponte tra le culture di Palermo.

Commenti chiusi.

Scroll To Top