Ti trovi qui: Home » Social Media Rights » Open source nella Pubblica Amministrazione. Parte una gara di 8 milioni di euro
Open source nella Pubblica Amministrazione. Parte una gara di 8 milioni di euro

Open source nella Pubblica Amministrazione. Parte una gara di 8 milioni di euro

Anche la Pubblica Amministrazione si armerà di open souce grazia a una gara a procedura aperta  indetta dal Consip. L’obiettivo è la stipula di un Accordo Quadro con diversi operatori economici al quale le pubbliche amministrazioni potranno rivolgersi per l’aggiudicazione di appalti che daranno vita a sistemi operativi server open source. Sono in ballo ben 8 milioni di euro che permetteranno alla pubblica amministrazione di creare sistemi operativi e infrastrutture server adottando un codice sorgente aperto a tutti i livelli. La durata dell’Accordo Quadro sarà di dodici mesi e si potrà avere un prolungamento di ulteriori sei. Durante questo periodo le PA potranno realizzare appalti specifici – seguendo le indicazioni dell’Accordo Quadro – e stipulare contratti che avranno una durata minima di dodici mesi e una durata massima di 36.

Come partecipare 

La gara si svolgerà attraverso una piattaforma telematica e sarà aggiudicata seguendo il criterio dell’offerta economica più vantaggiosa.  Il termine ultimo per partecipare e per presentare la propria offerta è fissato per giorno 23 maggio alle ore 16. Per leggere e scaricare il testo integrale del bando, pubblicato sia sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE e sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, basta consultare i siti

www.acquistinretepa.it

www.consip.it

www.mef.gov.it

 

Altro su Grazia La paglia

Giornalista pubblicista, si è laureata nel 2010 in Giornalismo per Uffici Stampa presso l'Università di Palermo e nel 2012 in Comunicazione Pubblica, d'Impresa e Pubblicità sempre presso lo stesso Ateneo. Si è formata collaborando con diverse testate tra cui La Repubblica - Palermo e I Quaderni de l'Ora. Ha ricoperto il ruolo di addetto stampa per diverse manifestazioni culturali tra cui il Festival Internazionale dei Documentari Sole Luna e per gli eventi dell'Associazione La Radice. Attualmente collabora con La Sicilia – Caltanissetta, giornalesicano.it, magaze.it ed è direttore del periodico culturale “La Radice” dal gennaio del 2013.

Commenti chiusi.

Scroll To Top